La sezione tecnica di Nailpro:
metodologie di lavoro, patologie dell’unghia, zoom sui nuovi prodotti.

Unghie Rotte, Che Fare?

Unghie Rotte, Che Fare?

Come comportarsi in caso di unghie spezzate? Scegliere il metodo drastico, rimuovere tutto con la lima e ricostruire da capo, oppure no? 

Non sempre è necessario.
Scopri come risparmiare tempo prezioso e offrire alle clienti soluzioni rapide ed efficaci.

E' vero, le unghie ricostruite hanno un aspetto incredibilmente resistente e duraturo, per questa ragione molte clienti si sentono autorizzate a utilizzare le proprie unghie artificiali nei più svariati modi, alcuni di questi non idonei affinché le unghie si conservino belle e resistenti a lungo.
La conseguenza: ricostruzioni che si rompono e si rovinano.
Alcune persone danneggiano le unghie, anche quelle artificiali, aggredendole con i denti, causando danni anche seri alle estremità. E anche se da professionista tu spendi tempo per avvertire le clienti su come trattare le proprie unghie, facendo attenzione ad esempio ad aprire e chiudere armadi e cassetti, ci sarà sempre una cliente che, disperata, si precipita nel centro con un'unghia spezzata in cerca di pronto intervento.
D'altra parte è vero che molti dei problemi che le clienti possono avere sono causati dalle onicotecniche stesse, dalla loro inadeguata preparazione e inesperienza.

Cause frequenti sono un'applicazione scorretta del materiale, o una scarsa statica dell'unghia, che portano una ricostruzione a spezzarsi alla minima sollecitazione. Se il materiale viene applicato in maniera troppo sottile sui bordi, o al contrario troppo spessa in prossimità della cuticola, questo pregiudica la stabilità dell'unghia. Anche un adattamento scorretto della tip o delle formine da ricostruzione può causare problemi. E naturalmente, la costituzione e la disposizione del punto di stress devono essere eseguite correttamente. Le unghie modellate senza bombatura si rompono molto in fretta.

Servizi di Riparazione

Rotture, sfaldature, scheggiature, niente di tutto ciò è salutare.
Rotture frequenti e ripetute, scheggiature del materiale da ricostruzione danneggiano l'unghia naturale. E non da ultimo, gli interventi di riparazione dell'ultimo minuto stravolgono il tuo calendario degli appuntamenti, e danno un duro colpo al fatturato.
Per la paura di allontanare le clienti, molte onicotecniche preferiscono non conteggiare le riparazioni, eseguendole gratuitamente. Si tratta è vero di una cortesia concessa alla cliente, ma il messaggio che passa è sbagliato, perché così lei penserà di poter non prendersi cura per nulla delle sue unghie artificiali, "tanto poi ci pensa l'onicotecnica".
In generale, è conveniente invece fissare una tariffa fissa per le riparazioni, da elencare nel menù dei servizi offerti, mostrandosi poi un po' "elastiche" con le clienti abituali. Soltanto così si crea nella clientela una consapevolezza del valore del servizio prestato, cui corrisponde certamente maggior cura e attenzione nel trattare il bene acquistato.

Al di là di ogni strumento preventivo, è possibile che un piccolo incidente accada anche alla cliente più attenta e scrupolosa. A questo punto è importante affrontare la situazione nel modo giusto.
Un'incrinatura superficiale o un angolo rotto sono velocemente correggibili. Nel caso di lacerazioni più profonde, sfaldature o lifting evidente è corretto rimuovere il materiale ed eseguire da capo la ricostruzione.
Se con la rottura l'unghia naturale o il letto ungueale sono stati danneggiati, è probabile che non si possa procedere con la ricostruzione.
Se ti trovi di fronte ad una lesione importante, non agire in alcun modo ma "spedisci" immediatamente la cliente dal medico. Nei casi peggiori la stessa rimozione del materiale da ricostruzione può rivelarsi pericolosa.
Consultati con un medico e attieniti al suo consiglio se non sei certa di poter procedere senza causare altro danno.
Qualsiasi sia stata la causa della rottura, la soluzione per fortuna non è mai troppo lontana. Intervenire sulle unghie danneggiate con successo non richiede particolari conoscenze o strumenti, tutto ciò di cui hai bisogno è già sul tuo tavolo da lavoro.
Segui i consigli degli esperti per eseguire perfetti interventi su unghie danneggiate in tempi brevi.

riparazione 1   riparazione 2

riparazione 3   riparazione 4

Pronto Intervento: Wraps

1 Nel caso di rottura su ricostruzioni in fiberglass o in seta scegli una lima manuale. Lima la fessura allargandola e appiattendola. Non è necessario limare fino all'unghia naturale.

2 Applica uno strato di colla e vaporizza dell'attivatore per farla asciugare.
Ripeti il passaggio.
L'obiettivo è rinforzare il punto in cui si è verificata la rottura per rendere l'unghia di nuovo stabile e capace di sopportare successivi urti. Lo stesso procedimento vale anche per la riparazione delle unghie naturali.

3 Taglia una striscia sottile di seta o fiberglass e ponila sul punto di rottura, per rinforzarlo.

4 Applica uno strato di colla sul materiale scelto e vaporizza dell'attivatore per accelerare l'asciugatura.

5 Applica successivi strati di colla sul tessuto e lascia asciugare.
Ripeti il procedimento fin quando si crea una piccola duna sul punto di rottura.

6 Lima quindi il rigonfiamento e pareggialo con la restante superficie dell'unghia. Così non devi rimuovere nulla della ricostruzione originale.

7 Lima e opacizza l'unghia per ottenere una superficie uniforme.
Completa il servizio come di consueto.

Pronto Intervento: Acrilico

1 Il metodo più veloce di riparazione è usare una lima elettrica.
Scegli una punta in metallo dura dalla forma cilindrica e livella i bordi della rottura.
Attenzione: non esercitare pressione e procedi lentamente per non rischiare di intaccare l'unghia naturale.

2 Rimuovi accuratamente la polvere di limatura.
Applica sulla rottura un po' di primer.

3 Ora forma con il pennello una pallina di acrilico di media umidità e ponila sul punto di rottura.
Poni il materiale il più possibile vicino al centro dell'unghia e lascialo entrare nella fessura.
Stendilo dandogli la forma desiderata con il pennello, lascia asciugare.

4 Con la lima uniforma la superficie del punto riempito con il resto della superficie dell'unghia.?

5 Opacizza l'unghia e completa il servizio come di consueto.

Pronto Intervento: Gel

1 Asporta con la lima i bordi della rottura e pulisci la superficie accuratamente.?

2 Applica un sottile strato di gel di aderenza sul punto di rottura e lascialo asciugare sotto la lampada UV.

3 Applica ora il gel di struttura come riempimento e lascialo asciugare sotto la lampada UV.
Rimuovi quindi lo strato di dispersione con un pad di cellulosa pulito.

4 Con la lima dai forma alla superficie dell'unghia e rimuovi quindi accuratamente la polvere di limatura.

5 Applica ora un gel di lucidatura o di sigillatura e lascialo asciugare sotto la lampada UV.

6 Completa il servizio come di consueto.

Intervento agli Angoli

Il procedimento è pensato per ricostruzioni in acrilico ma con qualche piccolo accorgimento lo si può applicare anche alle unghie in gel.

1 Con la lima rendi liscia la superficie dell'angolo rotto.

2 Applica una formina da ricostruzione sotto la punta dell'unghia.

3 Modella la porzione mancante della punta con il colore idoneo (bianco per la french).

4 Dopo che il materiale è completamente asciutto, rimuovi con attenzione la formina.

5 Con la lima dai forma all'unghia, opacizza la superficie e completa il servizio come di consueto.

Carla Collier, Jeffi Girgenti, Joanie Moscatello

Tags: Tecniche di Base

ABBONATI A NAILPRO

ABBONATI A NAILPRO

Nailpro arriva direttamente a casa tua o presso il tuo centro! Scopri la formula di abbonamento più adatta alle tue esigenze.

ABBONATI O REGALA NAILPRO