"I Dossier di nailpro.it
ogni mese, per tutto il mese, una raccolta di
articoli focalizzati su un tema particolare

Ridisegna il tuo Spazio

Ridisegna il tuo Spazio

Un’Interior Designer, un’ingegnere ergonomico, un’esperta di Feng Shui e una Professional Organizer ci spiegano come rinnovare la nostra postazione di lavoro rendendola funzionale e accogliente per noi e per le nostre clienti.

di Meghan Rabbitt
Illustrazioni di Solène Debiès

Considerando quanto tempo trascorriamo al lavoro, è bello di tanto in tanto rinnovare la nostra postazione rendendola più accogliente e funzionale. Questo vale a maggior ragione per le onicotecniche, la cui postazione di lavoro viene “vissuta” anche dalle clienti e ha un forte impatto su di loro. Un piano di lavoro pulito e ordinato, oltre a fare buona impressione, aiuta anche a lavorare in modo più veloce ed efficiente, facendo lievitare il numero dei tuoi appuntamenti e, quindi, i tuoi guadagni.

Se stai aprendo un nuovo salone e hai l’opportunità di allestire da zero la tua postazione di lavoro, in questo articolo puoi trovare suggerimenti utili per creare lo spazio dei tuoi sogni. Se invece usufruisci di una postazione di lavoro già predisposta, ci sono comunque alcune semplici modifiche a basso costo che possono trasformare completamente il tuo spazio. Pronta per una mini-consulenza gratuita?

Scegli una bella opera d’arte e appendila vicino alla tua postazione di lavoro: darà un tocco di colore e di personalità allo spazio circostante.

CONSULENTE: 
L’Interior Designer
Jennifer Farrell è una Interior Designer di Los Angeles, titolare di “Jennifer Farrell Design”

Decora recipienti e contenitori. La maggior parte delle onicotecniche ha uno spazio di lavoro asettico e utilizza contenitori standard per stoccare strumenti e accessori. “Perché non personalizzare questi contenitori?” si chiede Jennifer Farrell. “Darebbe al tuo spazio un po’ di carattere e svelerebbe alle tue clienti qualcosa della tua personalità.” Acquista sticker e adesivi che incontrano il tuo gusto - ne esistono centinaia di tipi diversi - e realizza una composizione simpatica sui tuoi contenitori. “Così facendo trasformerai un semplice recipiente di plastica in un piccolo oggetto di design!

Evita di mettere in mostra fotografie personali. Può sembrare ingiusto - in fondo, chi non tiene qualche foto dei propri cari in bella vista sulla scrivania? - ma secondo Farrell riempire la postazione con immagini della propria vita privata può non essere ben visto, soprattutto negli spazi ristretti. Scegli piuttosto una bella opera d’arte e appendila vicino alla tua postazione di lavoro (meglio se in un punto visibile sia a te che alla tua cliente): darà un tocco di colore e di personalità allo spazio circostante. 

Aggiungi un tocco floreale. Un bel vaso di orchidee fresche è perfetto per un salone di bellezza: le orchidee danno un tocco di eleganza e non disperdono polline nell’aria. Il regolamento del centro ti vieta di tenere piante e fiori? Opta per una pianta finta, a patto che sia ben fatta e non sembri troppo artificiale. Il vantaggio? Non devi ricordarti di innaffiarla!

Pensa a tutti i piccoli accorgimenti che puoi adottare durante il giorno per alleviare la tensione da muscoli e articolazioni.

CONSULENTE: 
L’Ingegnere Ergonomico
Susan M. Shaw, consulente senior in Ingegneria Ergonomica presso Humantech, in Michigan

Solleva le mani delle clienti. Susan Shaw ci racconta che di rado riesce a godersi una manicure perché si ritrova puntualmente a soffrire in silenzio a causa della postura sbagliata delle onicotecniche. “Quasi tutte le operatrici assumono una posizione ‘a tartaruga’, con il collo incassato tra le spalle e piegato verso il piano di lavoro. Questa postura provoca tensione al collo, alle spalle e alla schiena” spiega Shaw. Può suonare bizzarro, ma la soluzione è sedersi con la schiena dritta e sollevare la mano della cliente fino all’altezza del nostro viso. “In questo modo tu sarai più comoda e la cliente potrà scaricare la tensione sui gomiti piuttosto che sui polsi” spiega Shaw, aggiungendo inoltre che è bene assumere la stessa postura anche durante la pedicure, tenendo i piedi della cliente il più possibile vicino a noi. 

ergonomic 01Tieni a portata di mano gli strumenti e i prodotti che usi con più frequenza. Così come “rincorrere” le mani e i piedi delle tue clienti è deleterio per muscoli e articolazioni, lo è anche muoversi in continuazione alla ricerca di asciugamani, strumenti di lavoro e boccettini sparsi. “Circondati di tutti gli articoli che usi con più frequenza durante i trattamenti, in modo da non doverti sporgere, piegare o allungare ogni momento per raggiungerli” consiglia Shaw. “Organizzare in questo modo il piano di lavoro ti rende anche più efficiente e veloce: il tempo che risparmierai durante ogni servizio potrà essere usato per fissare un appuntamento in più.” Un altro problema per chi lavora sulle unghie è la necessità di utilizzare strumenti molto piccoli che tendono a scivolare tra le dita, come tronchesine, spingicuticole e i pennellini degli smalti. Stringere con troppa energia questi strumenti può provocare indolenzimenti delle dita; aiutati con impugnature ergonomiche in gomma che puoi applicare direttamente agli strumenti: un modo semplice e poco costoso per evitare future tendiniti. 

Investi in attrezzi ergonomici per la pulizia. Parte del lavoro in salone consiste nell’assicurarsi che ogni postazione di lavoro sia igienizzata e ogni strumento adeguatamente disinfettato, il che comporta ripetute operazioni di pulizia durante la giornata. Per rendere più confortevoli queste operazioni puoi ricorrere ad attrezzi ergonomici: pulire a fondo la vaschetta per la pedicure è decisamente più rapido e agevole con una spazzola dal manico allungato, che ti permette di fare leva e, quindi, di pulire efficacemente pur senza dover strofinare con troppa forza. Un altro accessorio utile per questa operazione è un poggia-ginocchia imbottito da giardiniere, che ti consente di rimanere inginocchiata per tutto il tempo necessario senza soffrire le pene dell’inferno. “Pensa a tutti i piccoli accorgimenti che puoi adottare durante il giorno per alleviare la tensione da muscoli e articolazioni” dice Shaw. “Con il passare del tempo ti verrà naturale assumere una postura corretta ed effettuare i movimenti nel modo giusto.

fengshui 02

I colori possono avere un’influenza a livello energetico, il che significa che puoi usarli in relazione ai tuoi scopi.

CONSULENTE: 
L’Esperta di Feng Shui
Ariel Towne, autrice di “Serene Makeover Inner Editon: Feng Shui Your Life from the Inside Out”

Organizza gli spazi in modo che nessuno debba stare con le spalle rivolte alla porta. Uno dei principi fondamentali del Feng Shui è non sedere mai con le spalle rivolte alla porta, spiega Towne. “Farlo ci rende ansiosi, anche a livello inconscio, provocando un aumento dei livelli di cortisolo e una sensazione di disagio generale.” Cerca di aggiustare la postazione di lavoro in modo tale che sia tu, sia la cliente possiate vedere la porta. Se non è possibile, Towne suggerisce di sistemare uno specchio sul muro dietro alle tue spalle, in modo che la cliente che ti siede di fronte possa vedere quello che succede dietro di lei. Lo specchio, inoltre, crea un’illusione di profondità, facendo sembrare più grandi gli spazi piccoli.

Ripensa l’ingresso del centro. Nell’antica tradizione Feng Shui, la porta d’ingresso è sempre dipinta di rosso. “Questo per due motivi: fortuna e protezione” spiega Towne. L’ingresso del tuo centro è una porta a vetri o il colore rosso non si sposa bene con il tuo arredamento? Considera l’idea di collocare qualcosa “a protezione” dell’entrata. “Non è un caso se le scalinate d’ingresso di edifici importanti sono sempre affiancate da statue o leoni” spiega Towne. Senza spingersi fino a quel punto, puoi scegliere un oggetto che ti ispiri un senso di protezione e collocarlo di fianco alla porta di entrata. Se non ne hai la possibilità, sistema un “portafortuna” protettivo sullo schienale della tua sedia, ad esempio uno scialle rosso.

Scegli i colori in base ai tuoi scopi. I colori possono avere un’influenza a livello energetico, spiega Towne, il che significa che puoi usarli in relazione ai tuoi scopi. Se il tuo obiettivo è, ad esempio, creare un ambiente rilassante, dovrai optare per una palette di colori “terrestri” come verde salvia, turchese, grigio talpa, blu cielo. Se desideri invece un’atmosfera chic e lussuosa, dovrai puntare su quelle tonalità che tradizionalmente richiamano un’idea di benessere: viola, oro, rosso e verde. “Puoi anche decidere di giocare con lo schema cromatico scegliendo in modo strategico i colori degli abiti da indossare, o della divisa da far indossare alle tue dipendenti” aggiunge Towne.

organize 03

Uno spazio ben organizzato è quello dove sei circondata unicamente da cose utili, rilevanti e in grado di ispirarti.

CONSULENTE:
La Professional Organizer
Amelia Meena, titolare e CEO di Appleshine, società di lifestyle organization di New York

Sgombera il piano di lavoro da tutto ciò che vi è poggiato sopra - sì, tutto! Prova a immaginarlo come un necessario processo di “disintossicazione” per la tua postazione, consiglia Meena. Fare piazza pulita è il miglior modo per renderti conto di ciò che hai, ciò che ti serve, ciò che usi con più frequenza e ciò che deve essere riorganizzato. “Ripulendo completamente il piano di lavoro puoi classificare tutti gli articoli che lo ingombrano, organizzandoli in modo più efficiente e funzionale” spiega Meena. “È un modo perfetto per capire, ad esempio, se ti serve davvero avere a portata di mano quella dozzina di lime diverse che stazionano sul tavolo o se puoi trasferirne una parte in un cassetto, fino a quando non ti serviranno veramente.

Riorganizza la postazione. Una volta che hai classificato prodotti e strumenti in diverse categorie - ad esempio tutte le lime da una parte, creme e lozioni da un’altra e via dicendo - il passo successivo è riesaminare tutto per capire cosa è necessario tenere a portata di mano e cosa può essere escluso. “Uno spazio ben organizzato è quello dove sei circondata unicamente da cose utili, rilevanti e in grado di ispirarti” osserva Meena. “Rivedere globalmente l’organizzazione della postazione di lavoro ti aiuta a scremare tra articoli utili e articoli superflui, dando maggiore respiro allo spazio a beneficio tuo e delle tue clienti.

Utilizza saggiamente scatole e contenitori. Se ti stai già entusiasmando all’idea di saccheggiare il reparto contenitori dell’Ikea, sappi che prima di acquistare scatole, scatoline e recipienti vari è assolutamente obbligatorio aver già fatto il lavoro di selezione e riorganizzazione di cui al punto sopra; il rischio, in caso contrario, è quello di riempirsi di oggetti inutili che finiranno per aumentare il disordine generale. Meena consiglia di sistemare i vari strumenti e prodotti al proprio posto sul tavolo, valutare il loro ingombro e decidere di conseguenza quale sia il recipiente giusto per contenerli. Organizza il materiale in più contenitori di dimensioni medio-piccole, in modo che ogni articolo sia facile e veloce da afferrare e da riporre al proprio posto subito dopo l’uso. Una postazione ordinata e organizzata ti renderà più efficiente e farà sentire immediatamente a proprio agio le tue clienti. 

Dicembre 2017


 Leggi gli altri articoli del Dossier: 

ABBONATI A NAILPRO

ABBONATI A NAILPRO

Nailpro arriva direttamente a casa tua o presso il tuo centro! Scopri la formula di abbonamento più adatta alle tue esigenze.

ABBONATI O REGALA NAILPRO