"I Dossier di nailpro.it
ogni mese, per tutto il mese, una raccolta di
articoli focalizzati su un tema particolare

  • Home
  • Dossier
  • Disinfezione delle Lime e degli altri Strumenti di Lavoro
Disinfezione delle Lime e degli altri Strumenti di Lavoro

Disinfezione delle Lime e degli altri Strumenti di Lavoro

L'igiene è senza dubbio uno degli aspetti fondamentali che concorrono a determinare il successo e la professionalità di un nailstudio. Quali sono, allora, i requisiti igienici necessari per offrire alla clientela un servizio esemplare? 

Esistono regole o standard igienici che occorre rispettare?
È sufficiente lavare accuratamente gli strumenti di lavoro oppure, in alcuni casi, occorre disinfettarli?
E che cosa fare nel caso di strumenti non lavabili e non disinfettabili, come le lime?

Tutte queste domande generano sempre molta confusione nei gestori dei centri di ricostruzione unghie.
Diversamente, ad esempio, dalla categoria degli acconciatori, il naildesigner non rientra sotto alcun profilo professionale regolamentato, e perciò non esiste una normativa unica e valida su tutto il territorio nazionale riconosciuta da un'associazione di categoria o un Albo Artigiani.

Ma attenzione: ciò non significa che non vi siano norme igieniche da rispettare. Il D.M. 28/09/1990 del Ministero della Sanità in tema di "Norme di protezione dal contagio professionale da HIV" impone l'obbligo di pulizia, disinfezione e sterilizzazione dei ferri e degli strumenti riutilizzabili e delle attrezzature dopo ogni utilizzo:
"È obbligatorio sterilizzare gli strumenti, i manipoli, gli ablatori ad ultrasuoni, le siringhe aria/acqua, le frese e qualsiasi altro strumento che venga a contatto con il sangue o le mucose, se riutilizzabile, dopo l'utilizzo su ciascun paziente".

Tale normativa si riferisce agli odontoiatri, si ritiene però che l'obbligo di sterilizzazione debba considerarsi generale, e quindi esteso alla professione di estetista, podologo e naildesigner, quando lo strumento entri in contatto con mucose, tessuti, sangue.
La sterilizzazione degli strumenti acuminati e taglienti, e comunque degli strumenti che possano entrare in contatto con il sangue o mucose, al fine di prevenire le infezioni da trasmissione ematica, è anche prevista dalla gran parte dei regolamenti comunali.

Quale Pulizia è Necessaria?

Poiché le leggi in materia d'infezione e prevenzione di epidemie, orientandosi alle direttive dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), sono simili in tutti i paesi dell'Unione Europea, esistono alcuni principi generali da non dimenticare:

È bene innanzitutto chiarire la definizione dei termini "pulizia", "disinfezione" e "sterilizzazione", spesso confusi o mal utilizzati.
Per pulizia s'intende il lavaggio degli strumenti: quando si lava uno strumento si rimuove sporcizia e residui dalla sua superficie.
La disinfezione prevede l'uccisione dei microrganismi presenti sulla superficie. Il passo successivo, la sterilizzazione, elimina le spore batteriche cancellando ogni segno di vita.
Una pulizia accurata degli strumenti è il primo indispensabile passo, spesso sufficiente per eliminare molti microrganismi.
La disinfezione può essere eseguita solo se lo strumento è stato prima accuratamente lavato.
Comincia quindi con una pulizia degli strumenti con acqua e sapone, e prosegui immergendoli in una soluzione disinfettante.

Cleaning 1   Cleaning 2

Cleaning 3   Cleaning 4   Cleaning 5

Informazione, Prima di Tutto

Per disinfettare correttamente le lime e gli altri strumenti di lavoro è indispensabile leggere le istruzioni per l'uso della soluzione disinfettante e rispettarle in maniera scrupolosa.
L'etichetta deve riportare l'indicazione d'idoneità su superfici prima lavate, dure e non porose, e il tempo d'immersione del prodotto nella soluzione che deve essere di almeno 10 minuti.
Poiché la maggior parte delle soluzioni ha un'efficacia massima di 24 ore, è possibile che la soluzione debba essere sostituita di tanto in tanto. Ed è qui che si commettono gli errori più frequenti.
Un altro errore comune è dato dall'utilizzo di una soluzione disinfettante non abbastanza efficace. In entrambi i casi può accadere che la disinfezione, non eseguita correttamente, risulti inefficace e inutile.

Quali sono gli strumenti che devono essere sempre disinfettati?
In generale vale regola: tutti gli strumenti riutilizzabili che vengano a contatto con la pelle e le unghie. Inclusi naturalmente gli strumenti di limatura per i quali una semplice pulizia non è sufficiente.

Sterilizzazione degli Strumenti Semicritici?

In base al rischio d'infezione correlato al loro uso, gli strumenti vengono distinti in:
critici, semicritici e non critici. Se utilizzi i cosiddetti strumenti "semicritici" (quegli strumenti che vengono a contatto con il sangue, le mucose, il tessuto muscolare, le unghie o la pelle infetta), sappi che essi devono essere sterilizzati con le apposite apparecchiature.
Se nel tuo studio vengono offerti servizi di tatuaggio, piercing e make-up permanente è obbligatorio munirsi di un'apparecchiatura per la sterilizzazione degli strumenti ed eseguirla dopo ogni utilizzo dello strumento.

Le Linee guida per l'esecuzione di procedure di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza, emanate dal Consiglio Superiore della Sanità – Ministero della Salute nel marzo 1998, regolano, fra gli altri aspetti, quello relativo ai sistemi di sterilizzazione.
Tornando agli strumenti del naildesigner, se devi disinfettare una lima fai attenzione che sul foglietto illustrativo del disinfettante ci sia scritto "non poroso". Le soluzioni per la disinfezione degli strumenti sono utilizzate per le lime prodotte in materiale duro, non poroso, ad esempio il metallo, il vetro, la fibra di vetro o la plastica rigida. Ci sono però anche lime prodotte in materiale poroso e assorbente, ad esempio la carta. Una lima porosa può generalmente essere disinfettata con della candeggina o dell'alcool: entrambe le sostanze sono impiegate anche in ambito medico per la disinfezione dei materiali porosi. Accertati sempre che gli ingredienti elencati sul foglietto illustrativo del disinfettante siano ammessi dalla legge.

Come sapere quali lime sono disinfettabili, quindi se possono essere immerse in una soluzione disinfettante, oppure no?
È molto semplice, basta fare un piccolo test.
Se la lima, dopo essere stata sottoposta al processo di disinfezione, è intatta e non danneggiata, può a ragione essere considerata "disinfettabile", e tu ne puoi acquista- re un grosso quantitativo.
Di norma le lime che riportano la dicitura "lavabile" sono anche disinfettabili, ma è sempre bene provare prima di procedere all'acquisto.
Se però le lime o i buffer risultano danneggiati dopo la disinfezione, allora significa che non sono strumenti disinfettabili e devono essere gettati dopo un solo utilizzo.
Secondo il regolamento per la tutela della salute, se le lime vengono in contatto con del sangue devono essere subito smaltite. Generalmente è sufficiente imballarle in un sacchetto di plastica e gettarle. In generale: se durante un servizio un cliente viene accidentalmente ferito, ad esempio sulle cuticole, viene esposto a rischio d'infezioni. In tal caso pulisci e disinfetta subito la lima non porosa, e getta invece la lima porosa e non disinfettabile. Comunque, in caso di evidenti lesioni della pelle e infezioni consiglia sempre il tuo cliente di recarsi dal medico e di rinunciare per il momento a qualsiasi trattamento. La salute, prima di tutto!

Un piccolo consiglio:
per evitare ogni pericolo d'infezione, oltre alle norme già descritte puoi decidere di riservare un set di lime personale per ogni cliente. Queste lime rimangono nello studio e saranno sempre utilizzate solo ed esclusivamente per un unico cliente. La spesa aggiuntiva sarà calcolata e inciderà sul prezzo del servizio.
A te la capacità di spiegare ai clienti la causa del leggero incremento dei prezzi, motivando la scelta di una maggiore sicurezza, a loro e a tuo beneficio.
In particolari occasioni, ad esempio Natale o Pasqua, puoi decidere di donare il set di lime come piccolo regalo per il cliente.
Infine, pensa anche alla tua salute: indossare guanti monouso protegge la tua pelle da infezioni e irritazioni dovute agli agenti chimici contenuti nei prodotti.

Cleo Seidel, Vicki Peters/c

Cleaning 6   Cleaning 7

Cleaning 8   Cleaning 9

Glossario

Prodotti riutilizzabili:
Prodotti e strumenti che possono essere utilizzati più di una volta su diverse persone.

Prodotti monouso:
Prodotti e strumenti che possono essere utilizzati solo una volta su una sola persona, e quindi devono essere eliminati.

Pulire:
Eliminazione di materiale estraneo dalla superficie di un oggetto attraverso lo strofinamento con acqua e sapone, al fine di eliminare residui, sporcizia e microrganismi.
Disinfettare:
Distruzione di germi patogeni per mezzo di una soluzione disinfettante.

Sterilizzare:
Distruzione delle spore batteriche per mezzo di un'apposita apparecchiatura?per sterilizzazione.?

Prodotto non poroso:
Fabbricato in materiale duro, non poroso, es. vetro, metallo, plastica e fibra di vetro.

Prodotto poroso:
Fabbricato in materiale assorbente, es. legno o carta.

I disinfettanti a Norma:

Soluzioni per uso ospedaliero con effetto battericida, fungicida e virucida:

Alcool isopropilico: concentrazione minima al 70%;
Candeggiante: soluzione 10%.

Dove informarsi:
Se hai dubbi o domande sulle regolamentazioni in vigore nella tua regione o nel tuo comune in materia di prevenzione degli infortuni, normative igieniche, etc., ti consigliamo di rivolgerti presso la sede ASL della tua città. Qui troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Carla Collier, Jeffi Girgenti, Joanie Moscatello
Ottobre 2017


 Leggi gli altri articoli del Dossier: 

ABBONATI A NAILPRO

ABBONATI A NAILPRO

Nailpro arriva direttamente a casa tua o presso il tuo centro! Scopri la formula di abbonamento più adatta alle tue esigenze.

ABBONATI O REGALA NAILPRO